15/12/2019 | 1017 articoli | 1060 commenti | 514 utenti iscritti | 2624 immagini | 14421777
login | registrati

Ultima iscrizione, Sergio L.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Dicembre 2019
L M M G V S D
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

- - - - - - -

Articolo inserito da Vittorio Girolimetti in data 06/01/2010
Consumatori e Utenti
letto 5465 volte in 9 anni 11 mesi e 15 giorni (1,51)
IL NUOVO COSTO DELLE CASELLEPOSTALI

PURTROPPO,   ANCHE GLI UTENTI DEI SERVIZI POSTALI DI SAN MARTINO IN STRADA, DAL 1 GENNANIO, POTREBBERO  TROVARE....

              CASELLE  POSTALI  -  UN IMPROVVISO AUMENTO DEI CANONI

Lunedì 4 Gennaio 2010 mi sono recato alle Poste Centrali di Forlì per  il pagamento del canone annuale  inerente all’utilizzo di una Casella Postale formato medio  e ho dovuto pagare     150,00. Forse è bene sapere che  l’anno prima,   sempre per la stessa casella e sempre per lo stesso servizio avevo speso   42 Euro;  quindi  nel 2010  ho pagato il 257% in più.  E  così l’Assoutenti  Nazionale  ha segnalato all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) l’esistenza dell’ingiustificato e improvviso aumento dei canoni relativi all’uso delle caselle postali a far data dal 1° gennaio 2010, reso noto da Poste Italiane.   Gli aumenti dal prossimo 1° gennaio 2010 sono così annunciati: 

·       Casella Postale Piccola da €    35          a 100        aumento pari al 185%

·       Casella Postale Media   da €    42          a 150              “        “    al 257%

·       Casella Postale Grande da €    50          a 200              “        “    al 300% 

Si tratta, secondo l’Assoutenti, di un abuso di posizione dominante ai sensi delle lettere a) e d) dell'art. 3 della legge n. 287/90 .  Tali aumenti sarebbero, secondo Poste italiane, in linea con i prezzi di mercato. Si rileva invece che il mercato di riferimento si limita sostanzialmente ad una sola azienda concorrente, MB center, con i suoi Mailboxes in franchising, che peraltro ha solo 550 sportelli in tutta Italia, la maggior parte dei quali nelle grandi città, per cui nella stragrande maggioranza dei comuni italiani poste italiane esercita questo servizio in regime di monopolio. Altre piccole aziende hanno una diffusione limitata sul territorio nazionale. Pertanto l’Associazione richiede una iniziativa urgente da parte dell’Autorità per dissuadere l’Azienda da questi comportamenti e sanzionare l’abuso. Per segnalare  l’esistenza di pubblicità su siti internet o altri mezzi di comunicazione riguardanti prodotti analoghi a quello sopra descritto contattate Assoutenti (06-6833617 segreteria@assoutenti.it) o il numero verde gratuito dell’Antitrust (800166661)  e  0543 20026  assoutenti.forli@libero.it

 

                                                                                                  VITTORIO  GIROLIMETTI

                                                                                                            Assoutenti  Forlì

Forlì, 6 Gennaio 2010

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su