26/04/2019 | 1009 articoli | 1052 commenti | 509 utenti iscritti | 2605 immagini | 13338592
login | registrati

Ultima iscrizione, Petra B.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Aprile 2019
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

- - - - - - -

Articolo inserito da Vittorio Girolimetti in data 10/12/2009
Consumatori e Utenti
letto 6688 volte in 9 anni 4 mesi e 19 giorni (1,95)
PERCHE' NON LIBERALIZZARE LE APERTURE NEGOZI NEI GIORNI FESTIVI

A  FORLI'  ESISTONO  ANCHE  "DIFFERENZE"  DI  ORARI  E  APERTURE  NEI GIORNI  FESTIVI,   TRA  ATTIVITà  COMMERCILI  DEL CENTRO STORICO  E   "NEGOZI" PERIFERICI.....  OVERO   FIGLI  E  FIGLIASTRI.....     TIPO  QUELLI  DI  SAN MARTINO IN STRADA

 

ASSOUTENTI   FORLI’   E  LA  “BUFALA”   SULLE  LIBERALIZZAZIONI (OVVERO: LA  STORIA  INFINITA  DEGLI  ORARI  DEI  NEGOZI)

 

All’inizio degli anni 70, a seguito dell’entrata in funzione delle Regioni, tra le importanti e sostanziali  “rivoluzioni” troviamo che, in quelle relative alla tormentata storia degli orari dei negozi, ci sono  innumerevoli  mutamenti e leggi quadro regionali che fissavano criteri di massima: obbligo di chiusura totale nei giorni domenicali e festivi, chiusura infrasettimanale obbligatoria  di mezza giornata, orario di apertura settimanale pari a complessive ore 44 ecc. ecc.  unitamente alla delega ai singoli comuni di decidere come gestire il tutto. Poi, nel tempo, alcuni Comuni, tanto per smorzare le polemiche relative alle aperture domenicali e ai giorni festivi infrasettimanali, si inventano le così dette “eccezioni” ovvero regole che stabiliscono che l’obbligo di chiusura dei negozi nelle giornate festive non vale per le “città d’arte” in cui gli esercizi commerciali “potrebbero” restare aperti tutti i giorni festivi … anche per tutto l’anno. Potrebbero perché in certe città (come Forlì) saranno poi deliberate “restrizioni” che vedono aperture solo in certe domeniche e giornate festive e solo per quella parte di esercizi commerciali in sede fissa ubicati nel centro storico. Le rimanenti attività commerciali (sempre forlivesi), ma con ubicazione più periferica, dovranno, invece, tenere chiuso. Paradossalmente, può accadere che comuni limitrofi come Castrocaro o Forlimpopoli facciano scelte diverse concorrendo così a creare (in pochi chilometri di distanza) non solo disparità e confusione tra i cittadini/consumatori, ma distorsioni nella stessa concorrenza tra le imprese. E tutto ciò, alla faccia della piena liberalizzazione del commercio già sancita dal decreto legislativo 114/98 e dal fatto che sondaggi e ricerche indichino che la maggior parte dei consumatori vorrebbe poter fare più spesso shopping nei giorni festivi. Ma è ormai risaputo che Sindaci,  Assessori allo Sviluppo Economico,  Associazioni di Categoria e Sindacati, nelle loro riservate concertazioni, sembrano ignorare le richieste e le esigenze dei loro cittadini consumatori e così quest’ultimi, trovando i negozi locali in massima parte chiusi, sono obbligati a  migrare verso gli Iper limitrofi che alle chiusure delle attività commerciali cittadine contrappongono aperture  domenicali e festive con  tanto di orario continuato fino alle ore 22. Come Assoutenti, cominciamo a domandarci se non sia il caso di rimettere in discussione la liberalizzazione avviata da Pierluigi Bersani nel 1998, e rivedere certe riforme costituzionali che nel 2001, attribuendo alcune competenze a livello locale, spesso hanno prodotto solo una grande confusione:  disagi per i consumatori e distorsioni nella concorrenza tra imprese (si pensi ai negozi gestiti da stranieri lasciati liberi di autogestirsi orari e aperture domenicali). Ed allora, perché non liberalizziamo, commercialmente parlando, tutto e tutti, nel vero senso della parola, e lasciamo tutti i titolari e gestori di negozi, di bar, di ristoranti, di forni ecc. liberi da vincoli di orari di aperture e chiusure, perché non lasciare loro solo la possibilità di tenere aperto o chiuso le loro attività, secondo le esigenze dei loro clienti (e non secondo gli umori degli assessori, dei sindacati o associazioni varie).  Siamo ormai nel terzo millennio e come Assoutenti ci chiediamo : chi ha paura di cambiare certe regole medioevali  “o tutti aperti o tutti chiusi”?  Proviamo a cambiare! 

 

                                                                                                                       VITTORIO   GIROLIMETTI

                                                                                                                               ASSOUTENTI   FORLI’

 

Forlì, 10 Dicembre 2009

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su