20/02/2019 | 1006 articoli | 1051 commenti | 508 utenti iscritti | 2604 immagini | 13096895
login | registrati

Ultima iscrizione, Petra B.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Febbraio 2019
L M M G V S D
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728

- - - - - - -

Articolo inserito da Vittorio Girolimetti in data 08/12/2009
Consumatori e Utenti
letto 6062 volte in 9 anni 2 mesi e 16 giorni (1,8)
IIVA SUI RIFIUTI. I RIMBORSI BATTONO IL PASSO

Ecco  un'altro  problema  che   coimvolte  tutti  (ma proprio tutti)  ma  per  qualche   "misterioso motivo"  (l'eccessivo costo del rimborso?)  non riesce trovare soluzione.  Parliamone  e  discutiamone....

QUELL’ ARCANO   DELL’ IVA   SUI RIFIUTI  

 

 

All’Assoutenti di Forlì continuano a pervenire, da tanti utenti Hera, richieste di chiarimenti e di modulistica relativi ai rimborsi Iva sulla Tassa rifiuti. Nell’incontro avuto il 29 ottobre u.s., come Tavolo di Concertazione presso la Sede Hera di Cesena relativamente al punto “Sentenza n. 238/09 della Corte Costituzionale in materia di Tariffe Rifiuti ed Iva”  la valutazioni e posizione di Hera è stata:  la stessa Hera, pur riconoscendo la validità di detta sentenza, si è detta impossibilitata ad avviare una procedura di rimborso per almeno due motivi: 1 - perché, per la riscossione dell’Iva sulle bollette dei rifiuti, Hera è solo un “sostituto d’imposta” in quanto l’Iva incassata viene poi versata allo Stato per cui Hera non avendo soldi propri accantonati l’utente (secondo Hera) dovrà chiederli allo Stato; 2 - perché alla nota sentenza della Corte Costituzionale (secondo Hera) non è ancora stato fatto un regolamento o una disposizione chiara e inequivocabile che specifichi come, dove, a chi e quando l’utente potrà poi  “eventualmente” presentare la domanda di rimborso per l’Iva pagata (ingiustamente per 10 anni?) sui rifiuti se alla stessa Hera o all’ Uff. Iva, al Comune di residenza dell’utente; e così, ognuno s’inventa qualcosa… Per noi Assoutenti, al momento, sono inutili le varie modulistiche per le richieste di rimborso che, diversamente, altri  suggeriscono di inviare a Hera, inutili perché, in assenza di procedure corrette, “nessuno”, attualmente, sa esattamente cosa si deve fare ed è per questo che suggeriamo all’utente di  risparmiarsi almeno i soldi delle spese postali. Ma noi siamo nel giusto? Per noi, a rafforzare le nostre “ tesi”,  c’è la stessa Hera  che,  pur in presenza di quanto emesso dalla Corte Costituzionale, anziché sospendere sulle nuove bollette l’applicazione dell’Iva contestata,  continua ad applicare “normalmente” l’Iva, come se nulla fosse stato sentenziato… Ed allora? “Qualcuno” ci  spieghi …l’arcano dell’Iva sui rifiuti. Grazie.

 

                                                                                      VITTORIO  GIROLIMETTI

                                                                                          assoutenti.forli@libero.it

Forlì  8 dic. 2009

 

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su