07/04/2020 | 1022 articoli | 1062 commenti | 516 utenti iscritti | 2637 immagini | 14966055
login | registrati

Ultima iscrizione, Davide C.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Aprile 2020
L M M G V S D
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

- - - - - - -

Articolo inserito da Alberto Gorini in data 14/05/2007
Storia
letto 14148 volte in 12 anni 11 mesi e 2 giorni (3)
Castello di San Martino in Strada
La prima notizia di castrum Sancti Martini risale al 1331, allorché Beltrando del Poggetto, durante l’assedio di Forlì condotto dalle milizie papali, eresse una bastia presso alcune casupole sulla sponda orientale del fiume Rabbi. Fortificato dai Forlivesi con una cinta muraria, nel 1387 fu assediato senza esito dalla Compagnia di Corrado Lando; successivamente, nel 1425 mentre i Forlivesi erano intenti a restaurarlo, i Fiorentini riuscirono ad espugnarlo, distruggendolo per sempre; Girolamo da Forlì riferisce a questo proposito: « Recepta multitudine peditum et militum, fere duomillia Florentinorum, ad complacendum eis propter pecunias, quas, ut dicebatur, receperat, venim super territorium Forlivii ad destruendum Bastiam quam faciebant, ne Clusa destrueretur. Et ceperunt captivos, et duxerunt de operatoribus nostris fere CL. Et fuit de mense Aprilis, scilicet V die Jovis sancti ». Il castello sorgeva sul rialzo dove poggia l’abitato vecchio di San Martino in Strada, detto appunto Castello. Alcune case presentano caratteristiche prettamente medioevali e il viottolo che le fiancheggia è chiamato via dei Bastioni.

Tratto dal volume “ Rocche e Castelli di Romagna “ edizioni ALFA Bologna, 1971.



fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su