20/10/2017 | 957 articoli | 1020 commenti | 490 utenti iscritti | 2440 immagini | 11166317
login | registrati

Ultima iscrizione, Pino G.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Ottobre 2017
L M M G V S D
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 14/05/2007 21:06:40
Info S.Martino in Strada
letto 8129 volte in 10 anni 5 mesi e 12 giorni (2,13)
S. Martino in Strada - Via Tito Pasqui
Tito Pasqui, nacque a Forlì il 1° agosto del 1846, fu agronomo e politico italiano.
Figlio dell'agronomo forlivese Gaetano Pasqui, che a Vecchiazzano impiantò una birreria (v. www.vecchiazzano.it) e di Gertrude Silvagni, appena ventenne fu volontario nella Terza guerra d’indipendenza (1866/67) con Giuseppe Garibaldi e, a Mentana, al fianco di Achille Cantoni. In seguito si laureò in ingegneria civile e matematica e poi fu assistente alla Scuola Agraria di Bologna, quindi insegnante di estimo e costruzioni all'Istituto Tecnico di Ravenna.
Di estrazione repubblicana, vicino ad Aurelio Saffi, a poco a poco si spostò su posizioni sempre più moderate e monarchiche. Prese parte attiva nell'Amministrazione locale e nazionale: iniziò con l’essere assessore comunale a Forlì e presidente del consiglio provinciale, fino a diventare deputato alla Camera nel 1897.
Numerosi furono gli incarichi che ebbe durante il Regno d’Italia, fra questi la rappresentanza del Governo all’Esposizione agraria universale a Vienna e al Congresso internazionale di economia rurale e forestale. Nel 19000 fu Commissario per l’Italia all'Esposizione universale di Parigi. Ricoprì anche l’incarico di delegato italiano per il regime di importazione dei vini italiani nell'Austria-Ungheria. Nel 1903 fu promosso Ispettore generale dell’Agricoltura, delle Acque e Foreste per poi essere scelto quale ispettore generale e presidente della bonifica dell'Agro Pontino.
Nonostante i numerosi impegni internazionali non dimenticò mai la sua terra d’origine: fu, per esempio, uno dei fondatori del museo delle ceramiche di Faenza e contribuì a sconfiggere la filossera che infestava la Romagna. Lasciò per testamento una cospicua raccolta di libri e documenti alla Biblioteca civica di Forlì.
Pubblicò diverse opere di agraria, tra cui "Le macchine al concorso agrario di Ferrara”, "Coltivazione del cappero”, “La filossera". Tra le onorificenze ricevute si menzionano i titoli di Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro e della Corona d'Italia, Cavaliere Ufficiale della Legione d’Onore (Parigi, 1900), Grand'Ufficiale della Stella di Romania.
Morì a Forlì il 7 luglio del 1925, dove riposa nel cimitero monumentale.



Esposizione Universale di Parigi del 1900: una mongolfiera sta per spiccare il volo e tra i rappresentanti dei Paesi europei c'è anche Tito Pasqui, con la bombetta in testa (contrassegnato dalla freccia rossa)

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2017
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su