07/07/2020 | 1027 articoli | 1065 commenti | 516 utenti iscritti | 2641 immagini | 15383931
login | registrati

Ultima iscrizione, Davide C.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Luglio 2020
L M M G V S D
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 09/05/2007
Personaggi
letto 19095 volte in 13 anni 2 mesi e 3 giorni (3,97)
Armando Barbieri (1893-1963)
Armando Barbieri nacque ad Asti il 6 agosto del 1893 e dal 1925 lavorò come liutaio a S. Martino in Strada, utilizzando modelli Stradivari dell’Amati e personali. Costruì anche chitarre ed era abile scultore del legno. Vinse premi e riconoscimenti a Firenze nel 1926, a Torino nel 1927 e ai concorsi promossi dall'Accademia di S. Cecilia nel 1928, 1929, 1932 e 1933. In seguito fu premiato a Padova e a Forlì e scrisse un “Trattato di Liuteria Antica e Moderna Dedicato ai giovani Liutai”, pubblicato a Forlì nel 1956, corredato da 141 pagine e 16 tavole.
Costruì buoni archi ottagonali e fu anche musicista, attore e autore di testi teatrali amatoriali.
Morì a Forlì nel 1963 e gli strumenti del suo laboratorio sono confluiti, insieme a quelli del concittadino Tramonti, nell'allestimento del laboratorio di liuteria presso il museo del Teatro di Forlì.



Contrabbasso a fondo piatto con quattro corde eseguito con legno di conifera, pioppo, ciliegio, acero e legno tinto.
Lunghezza: 1776 mm.
Anno 1900/1924.



Chitarra a sei corde eseguita con legno di abete, acero, ebano e osso.
Lunghezza: 960 mm.
Anno 1934



Violino eseguito con legno di acero, abete ed ebano.
Lunghezza: 593 mm.
Anno 1952.

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su