27/09/2020 | 1028 articoli | 1066 commenti | 517 utenti iscritti | 2647 immagini | 15994752
login | registrati

Ultima iscrizione, Maria Angela B.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Settembre 2020
L M M G V S D
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

- - - - - - -

Articolo inserito da Andrea Gorini in data 09/08/2016
Storia
tratto da fb - Luciano Versari
letto 4439 volte in 4 anni 1 mesi e 20 giorni (2,94)
Chi ch'sp˘şa la Cişa, un m÷r sÚnza camişa. (prov.)

9 Agosto 1160
Chi ch'spôşa la Cişa, un mör sénza camişa. (prov.)

L'Abbazia di San Mercuriale raggiunge il massimo della sua espansione. L'abate Gervasio ottiene in dono dal vescovo Alessandro il territorio della Pieve di San Martino in Strada. Con i privilegi concessi nel '47 dall'arcivescovo di Ravenna e la protezione accordata l'anno prima dall'Imperatore Federico I (Barbarossa) l'insieme dei diritti acquisiti, degli sgravi fiscali e delle decime incamerabili consente all'Abbazia di prosperare al punto da impensierire, negli anni successivi, la stessa autorità del vescovo.
(S.Spada in "Agenda Storica di Forlì" 1996)

Nel 962 le prime notizie storiche riguardanti la presenza della pieve di San Martino. Fu una chiesa di prestigio fin dal XII secolo ed ebbe arcipreti appartenenti alle più importanti famiglie di Forlì, come gli Ordelaffi, Numai ed Orselli. Alienata con l'avvento napoleonico, passò nuovamente allo Stato della Chiesa per poi passare al Regno d'Italia.

La pieve di San Martino in Strada in una vecchia cartolina

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su