20/04/2019 | 1007 articoli | 1052 commenti | 509 utenti iscritti | 2604 immagini | 13325073
login | registrati

Ultima iscrizione, Petra B.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Aprile 2019
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

- - - - - - -

Articolo inserito da Ruggero Ridolfi in data 10/02/2014
Info S.Martino in Strada
tratto da nn
letto 2831 volte in 5 anni 2 mesi e 10 giorni (1,49)
PARLIAMO ANCORA DI INCENERITORI ? SI’: NON ABBASSIAMO LA GUARDIA

Percorrendo la tangenziale o arrivando dall’autostrada, il profilo della nostra città è ormai contrassegnato dal pennacchio bianco del camino dell’inceneritore per rifiuti ospedalieri. Qualche ingenuo forlivese si chiede se la vicina costruzione dipinta di rosso (inceneritore per rifiuti urbani) sia spenta, visto che il pennacchio di fumo non si vede. In realtà, la moderna costruzione è dotata di un marchingegno tecnico che evita il formarsi di vapore acqueo e rende invisibili le emissioni, che pur ci sono! E che le emissioni proseguano può essere testimoniato anche dall’odore spesso poco gradevole che si spande nei quartieri vicini e talora ben oltre.

Con tutti i problemi che ci sono dobbiamo ancora parlare di inceneritori e di inquinamento?

Sì, perché … esattamente un anno fa (14/2/2013) un Decreto Legge (DL) ha stabilito i criteri specifici  affinche'  determinate   tipologie  di Combustibile Solido Secondario (CSS) ……. cessano  di essere qualificate come rifiuto”. Dunque, per DL, i rifiuti (o una buona parte di essi) non devono più essere chiamate “Rifiuti”, ma CSS.  Il 7/8/2013, poi, è stato approvato un altro DL che ha enunciato come “applicare la  formula per il calcolo dell'efficienza  energetica degli  impianti  di  incenerimento  in  relazione alle condizioni climatiche”.  Questo è un decreto secondo il quale, applicando calcoli matematici con diversi indici di moltiplicazione, un impianto che brucia CSS può assurgere da banale inceneritore (“impianto di smaltimento mediante incenerimento def:D10”)  alla dizione di  “impianto atto al recupero energetico  def:R1”.

I gestori degli impianti festanti hanno pertanto avviato le procedure per  convertire, senza colpo ferire, i propri inceneritori  in impianti di recupero energetico, che, così, non sottostanno più alle Amministrazioni locali, ma rientrano in un piano nazionale che, oltre a continuare ad elargire incentivi, ora consentirà loro anche di  bruciare a pieno regime rifiuti ( pardon “CSS”) provenienti da tutto il territorio nazionale secondo emergenze o necessità e con grande profitto.

Tutto questo viene fatto senza riguardo alcuno del Diritto Comunitario, che pone di fatto l‘Italia fuori dalle norme europee. Una chiara violazione della direttiva europea “IPPC sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento ambientale” è anche la recente approvazione del DL  10/12/2013, n.136, detto “Decreto Ilva-Terra dei Fuochi”.  E’ stato enfatizzato che presto inizierà la bonifica dei territori martoriati dall’inquinamento e che vi sarà una “pietosa” sorveglianza sanitaria delle popolazioni. (Sinceramente c’è da chiedersi come questo possa rallegrare o ripagare gli ammalati di ieri di oggi e di domani!). Nelle comunicazioni radio-TV non è stato detto, però, che gli inquinatori non saranno perseguiti né dovranno farsi carico della bonifica. Addirittura l’Ilva di Taranto è autorizzata a non attuare il 20% delle prescrizioni della norma europea AIA (autorizzazione intergrata ambientale). Con la nuova legge (art. 7, comma d) l’ILVA potrà continuare a produrre anche avendo avviato l’adozione dell’80% del numero complessivo delle prescrizioni AIA , quando quel 20% di prescrizioni non ottemperate  includono atti importantissimi, come ad esempio la copertura del parco minerali o la riduzione delle emissioni diffuse che sfuggono dalla cokeria.

Siccome continuo a ritenere che al primo posto della Politica resti la salute dei cittadini e di conseguenza quella dell’ambiente, prima ancora del business, credo che, ahimè, ci si debba ancora occupare di inceneritori e di inquinamento.

Ruggero Ridolfi

Presidente ISDE - Forlì

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su