14/11/2019 | 1015 articoli | 1058 commenti | 514 utenti iscritti | 2616 immagini | 14256626
login | registrati

Ultima iscrizione, Sergio L.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Novembre 2019
L M M G V S D
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

- - - - - - -

Articolo inserito da Alvaro Lucchi in data 11/09/2011
Info S.Martino in Strada
tratto da personale
letto 5861 volte in 8 anni 2 mesi e 6 giorni (1,96)
A proposito della "scomparsa" dell'"Apparizione"

Chissà se don Maurizio Monti avrebbe concesso ad un artista straniero di allestire  al centro della Pieve di San Martino un grande cilindro bianco dal quale si sprigiona una colonna di fumo bianco che, forzata da quattro altrettanto imponenti colonne di ventilatori poste ai vertici di un ideale quadrato che inscrive il cilindro, vorticosamente si innalza sino al centro della cupola, dove l’attende un enorme aspiratore industriale, il tutto avvolto nel sottofondo del rumore dei ventilatori e aspiratore. Eppure quest’allestimento, descritto in tale informale maniera, è la magnifica “Ascension” di Anish Kapoor che si potrà ammirare sino al 27 novembre prossimo all’interno della Basilica di San Giorgio Maggiore a Venezia. Si, si, avete letto bene, basilica, chiesa attualmente consacrata.

I benpensanti, lo stesso don Monti potrebbe obiettare “ma cosa lega l’installazione di Kapoor con una chiesa cattolica ?”. Io l’ho visitata e devo dire che mi ha trasmesso un altissimo senso di spiritualità e di fede. Lo stesso Kappor ci spiega “…in Ascension…ciò che m’interessa è l’idea dell’immaterialità che diviene un oggetto…il fumo diventa una colonna. In quest’opera è anche presente l’idea di Mosé che seguì una colonna di fumo, una colonna di luce, nel deserto…”. Questa è l’Arte Contemporanea, quella che è accolta all’interno  di una palladiana Basilica dei primi anni del Seicento.

Ho raccontato questo dopo aver letto della rimozione, da parte del nuovo parroco, dell’opera “Apparizione”, del pittore Mauro Maltoni, che dal 2006 si trovava all’interno della Pieve di San Martino, e della minaccia di rimuovere pure  il Cristo di Roberto Casadio, collocato nella chiesa nello stesso anno. Riguardo l’opera di Maltoni il parroco si giustifica affermando che  “interpreta in maniera inconsueta il tema esposto: le apparizioni nella tradizione biblica hanno una dimensione di luce e gloria. Inoltre il quadro non ha finalità pastorali, non è orientato alla devozione, alla preghiera e alla contemplazione…” Questo giudizio di don Monti su un’opera del secondo millennio ha azzerato in un attimo i secoli trascorsi dal quando, nel 1582 il cardinale bolognese Gabriele Paleotti pubblicò il celebre Discorso intorno alle immagini sacre e profane, che dettò i principi cui dovevano attenersi gli artisti della Controriforma.  A conclusione del Concilio di Trento (1563) la Chiesa condusse una battaglia implacabile contro ogni forma di pensiero che mettesse in discussione la dottrina cattolica e i suoi fondamenti teorici. Le gerarchie ecclesiastiche impostarono una capillare azione di censura, tesa a bloccare ogni idea nuova in campo scientifico e filosofico, non disdegnando strumenti come il Tribunale dell'Inquisizione (Tribunale del Santo Uffizio) e l'indice dei libri proibiti, un elenco costantemente aggiornato di libri considerati controproducenti e dannosi per il buon cristiano. Questa battaglia fu combattuta pure verso il teatro e le arti figurative, per la loro capacità di influire su larghi strati della popolazione: il Concilio di Trento vietò l'esposizione d’immagini contrarie al dogma, ed emanò precise direttive per gli artisti, cui fu imposto il compito di istruire il popolo all'ortodossia e alimentarne la devozione. Gli artisti furono orientati verso la realizzazione di ”composizioni semplici e d’immediata comprensione, con pochi personaggi che dovevano essere colti in atteggiamenti chiari, per indurre alla preghiera il fedele e coinvolgerlo emotivamente, ma senza cadere in eccessi di drammaticità e teatralità”. Pensavo che ormai,  tali assurdità non si potessero più riproporre,  sino a quando ho letto della inopportuna iniziativa dello zelante parroco, nuovo Paleotti del secondo millennio. Egli mi rammentato i “braghettoni” che furono imposti al mirabile Giudizio Universale di Michelangelo, le difficoltà e le incomprensioni che incontrò Caravaggio  per la sua pittura  ricca di elementi naturalistici, ma non priva di un alta spiritualità. La presa di posizione di don Monti mi ha ricordato la mancanza di lungimiranza della quale fu permeato il rifiuto della Confraternita dei Francesi nei riguardi prima versione del San Matteo e l’Angelo realizzata da Caravaggio, il pregiudizio che offuscò il giudizio dei Carmelitani Scalzi su un’altra ammirevole opera di Caravaggio, la Morte della Vergine, una Madonna gonfia, con la faccia livida, i piedi nudi fino alla caviglia, sporgenti fuori da un tavolaccio. Ma il pregiudizio e l’incomprensione delle rappresentanze religiose di allora furono superati e sconfitti dall’intelligenza di altri; la prima versione del San Matteo e l’Angelo fu acquistata dal più illuminato ed attento Vincenzo Giustiniani, la Morte della Vergine  dal duca di Mantova, nel 1607 per 300 scudi, consigliato dal lungimirante parere del suo pittore di corte, Pieter Paul Rubens, che la ritenne una delle opere più riuscite del pittore lombardo. Ecco, tutto questo dovrebbe far riflettere don Maurizio Monti e consolare il “povero” Maltoni, al quale spero non si debba unire l’amico carissimo Roberto Casadio, entrambi sono in buona compagnia ed hanno la mia più affettuosa solidarietà. Ritengo che oggi, come ieri, la valutazione, l’interpretazione  di opere d’arte di carattere religioso debba essere più attenta, meno superficiale, più libera, non condizionata da iconografie oramai desuete, superate. Oggi l’immagine sacra non si rivolge più a uomini semplici, analfabeti, incapaci di elaborare un loro pensiero, di indagare il loro animo alla ricerca di un percorso di Fede da raggiungere, non solo attraverso dogmi, ma attraverso quell’umanità, quella costante ricerca, con  dubbi, incertezze, sofferenza che l’uomo moderno sa esprimere e che artisti sensibili quali Casadio e Maltoni sanno interpretare nelle loro opere.

Alvaro Lucchi

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Morena PIAZZA in data 11/09/2011 14:18:50
mi collego all'articolo dell'amico Alvaro, maestro d'arte, solo per esprimere la mia modesta opinione. Gesù, Don Maurizio insegna, è ovunque: nel nostro prossimo, nel nostro nemico, nella persona antipatica che dobbiamo sopportare, in un bambino, in un vecchio ammalato, è soprattutto negli occhi di chi guarda e per me i dipinti della Chiesa di San Martino dimostrano appieno la sofferenza e il sacrifico del Cristo fatto uomo, vero grande miracolo fra quelli descritti nel Vangelo. L'immagine di questo miracolo non può offendere gli occhi di nessuno, nemmeno di un bambino, a cui fra l'altro si può tentare di spiegare questo grande mistero. Chi meglio di Don Maurizio potrà svolgere questo compito? Una grande prova lo attende. grazie ad Alvaro, ai pittori Monti e Casadio, e soprattutto a Don Maurizio che ci ha aperto alla possibilità di un grande dialogo fra credenti. Morena


Commento inserito da Roberto Brunelli in data 11/09/2011 17:06:27

Carissimi confratelli e consorelle di San Martino in Strada,

Senza voler peccare di presunzione e senza voler far torti a nessuno, ma non sarebbe possibile chiudere questa vicenda  con una vendita all'asta delle Opere il cui ricavato verrà poi devoluto ad un soggetto/Associazione scelto di comune accordo tra il Parroco Don Maurizio e gli Artisti stessi ? In questi tempi di crisi mi sembra in ogni modo contro quella che è la missione della Chiesa e dei suoi fedeli quella di discutere sulla destinazione di una singola Opera, soprattutto quando con il ricavato dalla vendita della stessa si potrebbe anche solo salvare/aiutare a crescere un singolo bambino in Africa. L'Amico Alvaro Lucchi sa quanto io Ami gli Artisti e sii loro vicino, ma sa anche del mio impegno quotidiano per aiutare nel limite delle mie possibilità il prossimo, quindi prego vivamente tutti gli interessati ( parrocchiani compresi ) prima di giudicarmi per questo mio scritto che può trovarli o meno favorevoli di guardare al messaggio finale del mio pensiero. Appartenedo queste Opere alla Comunità Cattolica tutta di San Martino in Strada essendole state donate, sarebbe un dono d'Amore l'aiuto che si da con il ricavato, proveniente veramente da ogni singolo abitante.

GRAZIE !

 

In fede.

 

Brunelli Roberto




Commento inserito da Roberto Brunelli in data 18/02/2014 14:35:40

Incontro con Suor Maria Gloria Riva

La Famiglia nell' Arte

percorso sulla famiglia a partire da alcune Opere d'Arte

Lunedì 24 febbraio 2014

Chiesa di San Martino in Strada

ore 20:45




commenta questo articolo
Articoli con il medesimo argomento
inserito da Gilberto Giorgetti in data 09/05/2007 3 commenti "Personaggi"
letto 23615 volte
leggi articoloMauro Maltoni è nato a Forlì nel 1946, dove svolge la sua attività artistica a S. Martino in Strada. Nel 1968 allestisce le sue prime mostre personali alla Galleria “Barcaccia” di Ravenna e alla Galleria “Dell’Artista” di Foggia. Nel 1971 M. Azzoli...

inserito da Andrea Gorini in data 22/08/2011 3 commenti "Il paese"
letto 16185 volte
leggi articolo L’opera donata da Mauro Maltoni a San Martino in Strada rimossa dal nuovo parroco SAN MARTINO IN STRADA. «Chiedo scusa, reverendo, saprebbe dirmi dov’è finita la mia opera?». Nella periferia ovest di Forlì succede pure che un giorno ti stendono il tappeto r...

inserito da GIUSEPPE BERTOLINO in data 22/09/2011 "Proposte a San Martino"
letto 5076 volte
Buongiorno, benvenuto a questo sito che si aggiunge ad altri e ci fa conoscere la storia dei quartieri della nostra città. Il Quartiere Cava - Centro Sociale sarebbe disponibile ad ospitare le opere del M.o Maltoni e del M.o Casadio sfrattate dalla Chiesa di San Martino. Attendo ris...

PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su